Parlano anche ferrarese le nuove norme europee sui servizi funerari

Parlano anche ferrarese le nuove norme tecniche europee relative ai servizi funerari. Lo ha comunicato il sito del settore funerario italiano che è gestito da Euro.Act, società di consulenza specialistica che si occupa del comparto a livello nazionale e che ha sede proprio a Ferrara.

A fine giugno è stato infatti approvato dall’organismo europeo competente, il CEN, l’aggiornamento dello standard UNI-EN15017 col voto favorevole di dodici nazioni, diciannove astenuti ed un solo voto contrario, quello della Finlandia. Le nuove norme saranno disponibili a fine anno nelle principali lingue e saranno operative a partire dal 2020. Ci sono esperti italiani, e anche ferraresi, che hanno seguito i lavori di aggiornamento per conto di UNI, l’Ente Nazionale di Normazione, in un gruppo di lavoro che è stato creato nel 2016 nell’ambito della Commissione servizi.

In pratica, UNI stabilisce per ogni settore come fare bene le cose, cioè le norme tecniche che garantiscano sicurezza, rispetto per l’ambiente e per le persone, e certezza sulle prestazioni effettuate. In poche parole, qualità del servizio, ambiente e sicurezza: la norma ISO è valida a livello internazionale, la norma EN è uno standard europeo a cui hanno collaborato i diversi Enti nazionali di normazione, recepito per l'Italia dall'UNI e che è volontario; diventa norma cogente laddove una norma di legge ne preveda l'obbligatorietà.

L’Ente si occupa di una molteplicità di comportamenti e di progetti, in tutti settori; un altro esempio sono i piani di adattamento delle aziende ai cambiamenti climatici: ISO 14090 è infatti la prima di una serie di nuove norme che saranno finalizzate ad individuare lo standard generale per l’adattamento ai cambiamenti climatici. E sta per partire anche la commissione tecnica “economia circolare”.

L'attività di normazione a livello nazionale comprende 1.100 organi tecnici che coinvolgono oltre seimila esperti italiani che rappresentano coloro che utilizzeranno le norme o ne saranno i beneficiari nei diversi settori, dalla tutela delle eccellenze del Made in Italy al rispetto per l'ambiente, dalla salute e sicurezza sul lavoro alle grandi opere infrastrutturali, dall'edilizia sostenibile all'efficientamento energetico, al settore dei servizi nelle sue diverse articolazioni fra cui, appunto, i servizi funerari.

(l’immagine della Certosa di Ferrara è tratta da: www.funerali.org)

Contattaci

gli sponsor dell'Annuario 2019