Gli scenari economici per la regione Emilia-Romagna

Prometeia e Unioncamere prevedono una forte recessione per l’economia della regione Emilia Romagna in seguito alla diffusione del Covid 19.

Ad aprile 2020 UnioneCamere Emilia Romagna e Prometeia (società di consulenza specializzata in analisi e ricerche economiche, fondata a Bologna nel 1974) hanno pubblicato gli scenari e le previsioni economiche per il 2020 e gli anni successivi per la regione, realizzate in uno specifico studio. I numeri indicano una recessione più acuta e profonda del 2008-2009. Il PIL regionale registrerà una contrazione del 6.5%. In sensibile calo gli investimenti (-13%), mentre le esportazioni perderanno il 10%. Saranno l’industria manifatturiera (anche in filiere che negli ultimi anni hanno registrato elevati tassi di crescita, come l’automotive, il packaging e la ceramica) insieme alle costruzioni ad accusare gli effetti più pesanti (rispettivamente -13% e -11% la caduta attesa della produzione), ma anche per i servizi l’impatto sarà pesante. Per il mercato del lavoro è previsto un incremento del tasso di disoccupazione e un peggioramento del tasso di occupazione (sia nella componente maschile che femminile), con conseguente riduzione degli occupati in tutti i settori di attività. Secondo lo studio per tornare ai livelli del 2019 occorrerà aspettare il 2024. Lieve ripresa del Pil (+3.3%) nel 2021.

Link allo studio:

https://www.ucer.camcom.it/studi-ricerche/news/studi-e-ricerche-news-2020/scenario-emilia-romagna-202004

Newsletter

Newsletter

Inserisci la tua mail per rimanere informato sulle nostre iniziative

Visualizza
privacy

gli sponsor dell'Annuario 2019